presso il conservatorio "G. Verdi" di Milano

 torna indietro

MICHELE BOZZA, sax

 

Michele Bozza, sax & Laboratorio Jazz

 

Michele Bozza matura le sue primissime esperienze musicali sotto il vivificante influsso della musica bandistica di paese : ancora adolescente suona il clarinetto nella celebre banda di Affori dove matura  , continuando poi l'esperienza presso la banda dell’esercito , quel tipo di sensibilita’ che ancora oggi costituisce un aspetto importante della sua variegata personalita’ artistica.

E’ in questi anni ( siamo all’inizio degli anni  ’70 ) che avviene la  “ folgorazione “ per il Jazz : l’occasionale ascolto su disco delle grandi orchestre del periodo dello  “ Swing “  ( Glenn Miller , Count Basie , Duke Ellington...) scatena un coinvolgimento che non verra’ mai piu’ meno. La vera e propria formazione musicale avviene nella scuola del mitico locale milanese il  “ Capolinea “: anni ed anni di intensa frequentazione del locale di Giorgio Vanni sono per Michele l’occasione per stabilire intense relazioni umane e professionali con molti dei

grandi artisti che animavano le  “ notti jazzistiche “ della Milano di quegli anni ( da citare in particolare i grandi e mai dimenticati  Larry Nocella , Massimo Urbani e Gianpiero Prina ). Sempre di questi anni giovanili sono numerose esperienze in altri ambiti musicali che arricchiscono notevolmente il suo bagaglio artistico : collaborazioni con Enzo Jannacci e Johnny Dorelli , col bluesman Cooper Terry e con  famosi gruppi latino-americani. Nel 1990 fa anche parte per una stagione della compagnia teatrale  FRANCO PARENTI  come musicista-attore presso il  SALONE  PIERLOMBARDO.

Dagli anni ‘80 in poi i suoi interessi si focalizzeranno quasi esclusivamente sul Jazz.

Per due anni  ( ’83 e ’84 ) fa parte della  “ Duke Elligton Repertory Orchestra “ di Bagnoli - Palumbo, con la quale partecipa alle piu’ importanti rassegne del Jazz italiano ( Clusone , Como , Bari , Torino , Acireale….. ).

Lunghissimo (dal  ’81 all ’88 ) il sodalizio artistico col trombettista milanese Claudio Bolli (suggellato nel 1985 con la prima realizzazione discografica : “ ZALLIZBO “ per la etichetta Bull Records ). Negli stessi anni Bozza fa parte della  BIG BAND del CAPOLINEA diretta da Attilio Donadio e del quartetto del pianista Piero Bassini , col quale registra l’album  “ IN THE SHADOW “nel 1985  e l’album  “ INTO THE BLUE  nel 1988 , entrambi per la etichetta Red Records . ( con il gruppo di Bassini partecipa anche al festival di “  UMBRIA JAZZ “ ). Particolarmente intenso il rapporto professionale col batterista Gianpiero Prina : anni di notevole attivita’ nei principali festival jazz e club culminano nella realizzazione del disco